image1 image2 image3

Comunicati #BL

1° Corso sul Bilancio Partecipativo organizzato

bp logo

A gennaio partirà un corso sul Bilancio Partecipato promosso dalla Libera Università Popolare "Alfredo Bicchierini", articolato in 10 lezioni ed ospitato presso gli spazi della libreria “Belforte”, nella nuova sede di via Roma n. 69 a Livorno.

Ritenenendo importante lo studio, la sperimentazione e l'adozione del Bilancio Partecipativo da parte delle comunità politiche territoriali e delle loro istituzioni, segnaliamo questa bella iniziativa promossa da una importante realtà di base di Livorno, ovvero la Uni.Pop. "Alfredo Bicchierini", invitando tutti e tutte i nostri associati ed associate a seguire e partecipare.
 
Il Direttivo di #BuongiornoLivorno

 


Il Bilancio Partecipativo o partecipato è una forma di partecipazione diretta dei cittadini alla vita politica della propria città (democrazia diretta), consistente nell'assegnare una quota di bilancio dell'Ente locale alla gestione diretta dei cittadini, che vengono così messi in grado di interagire e dialogare con le scelte delle Amministrazioni per modificarle a proprio beneficio.

Leggi tutto...

Cordoglio per la scomparsa di Augusto Spalletti Panzieri

Apprendiamo la notizia della scomparsa di Augusto Spalletti Panzieri, grande uomo di cultura, imprenditore, critico, giornalista, amante e sostenitore della cultura (teatro e cinema in particolare), anima storica del Centro Artistico “Il Grattacielo”. 
Il Direttivo di #BuongiornoLivorno a nome di tutta l'associazione si unisce al cordoglio della famiglia, degli amici e della città. 
Livorno, 11 dicembre 2014

Disponibili a un confronto nell’interesse del città

Il dibattito politico attraversa una fase delicata. Delicati sono i temi sul piatto: accordo di programma, bilancio, PRP. Delicato il momento: l'inizio di una campagna elettorale che, dalle premesse, promette di essere accesa e senza esclusione di colpi. Rossi e Simoncini stanno dedicando un'attenzione straordinaria alle sorti di Livorno: se solo metà delle iniziative annunciate per la nostra città negli ultimi mesi fosse stata messa in campo nel corso degli ultimi anni, forse oggi non ci troveremmo nella situazione drammatica che ogni giorno ci regala nuovi argomenti di preoccupazione. I vertici regionali del PD sanno che a Livorno, come a Carrara o in Maremma (cioè nei luoghi in cui il fallimento delle loro politiche si rivela in modo imbarazzante), si gioca la partita delle elezioni della prossima primavera. Quello che forse sfugge loro è il senso delle elezioni comunali del maggio scorso: per quanto nuovi siano gli abiti sfoggiati dall'imperatore, nascondere alle persone ciò che ognuno ha ormai chiaramente sotto gli occhi è molto più difficile oggi di quanto non fosse prima. E questo perché stiamo tutti peggio, e siamo tutti quanto meno disposti a credere alle favole.

Leggi tutto...

#BL NEWS 4_14

Cara associata, caro associato,

Buongiorno Livorno, per arrivare a invertire il corso di una crisi che ha colpito al cuore la città, sta lavorando a un’elaborazione politica di idee concrete e positive. La caduta della domanda di beni e servizi in Italia si è riversata sui traffici portuali e sulle tante attività manifatturiere – in primo luogo su quelle legate alla componentistica auto – presenti nell’area industriale. Questo nonostante Livorno fosse già talmente in crisi da essere stata annoverata, come altre zone costiere della Toscana, tra le province a “Obiettivo 2”, ovvero a minor reddito pro-capite. Anche per questo il governo cittadino, che a partire dagli anni ’80 ha mancato di innovare le strutture dell’economia livornese, è entrato in pieno nella crisi del 2008, arrivando addirittura a negarla. La conta delle attività che chiudono si aggiunge così a una drammatica situazione abitativa e a un’incertezza lavorativa che tocca tutta la popolazione, senza risparmiare nemmeno chi ha un lavoro ben avviato.

Leggi tutto...

Adesione a Sciopero Generale del 25 novembre

mareggiataSiamo stati tra i primi a richiedere lo sciopero generale. L'abbiamo fatto a mezzo stampa e in Consiglio Comunale. Non faremo ovviamente mancare la nostra adesione, in segno di solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici delle tante vertenze aperte sul nostro territorio e nell'intenzione di testimoniare una critica ferma alle logiche che hanno portato alla drammatica crisi in cui siamo sprofondati. Questo è ed era il senso, per noi, della richiesta di una mobilitazione: iniziare a ricostruire un'opposizione sociale e culturale a comportamenti come quello della TRW, costruire, intorno alle lotte dei lavoratori e delle lavoratrici livornesi che stanno difendendo a costi personali molto alti i loro posti di lavoro e il loro futuro, un senso di comunità che esprima la consapevolezza che lo stato di diritto non può prescindere dai concreti diritti di ogni cittadino: che non esistono i diritti di uno in opposizione di quelli di altri, ma esiste un destino comune dei diritti, di tutti i diritti, pena la decadenza degli stessi.

Leggi tutto...

Le responsabilità del governatore Rossi sui disastri idrogeologici

Alluvione Vicenza 1 novembre 2010 3Ancora una volta la regione Toscana è messa in ginocchio da esondazioni ed eventi meteorologici estremi, che ormai non possono più essere considerati come 'eccezionali'. Negli ultimi anni si contano numerosi morti e danni, e mentre scarseggia del tutto nella popolazione una cultura del territorio, dei meccanismi idrogeologici di base e di quelli legati ai cambiamenti climatici, non può non colpire che i danni maggiori avvengano sempre in alcune zone di particolare criticità. Anche da questo emergono le gravi inefficienze e le inadeguatezze da parte di chi governa la nostra regione in termini di programmazione della messa in sicurezza delle zone a rischio e di controllo nell'attuazione dei programmi. Il dissesto idrogeologico della regione Toscana è ormai un dato di fatto e dovrebbe essere messo al centro di ogni agenda politica a livello locale come sovralocale. E intanto l'attuale governatore Rossi, tentando di tutelare la propria immagine in vista delle prossime elezioni regionali, ancora una volta allontana ipocritamente ogni responsabilità puntando il dito sugli enti locali, oppure, incredibilmente, invoca maggiori poteri come quelli affidati ai commissari di governo per la Regione, necessari a suo dire, per 'riunire intorno ad un tavolo tutti gli enti e i soggetti interessati, in modo da sollecitare la produzione degli atti necessari nel rispetto dei tempi, degli impegni, evitando slittamenti, blocchi e ritardi'. Pensare che la Regione Toscana non abbia già, di fatto, questi poteri di coordinamento è del tutto ridicolo; e pensare che l'attuale governatore colga l'occasione dell'ennesima tragedia per propagandare una politica di accentramento ci pare assolutamente increscioso.

Leggi tutto...

#BuongiornoLivorno aderisce a manifestazione del 15 novembre

Preso atto della ormai conclamata emergenza occupazionale in città, e convinti che la città stessa deve farsi politicamente, culturalmente e  socialmente carico di chi si trova in difficoltà, #BuongiornoLivorno nelle ultime settimane a più riprese ha sottolineato, insieme ad altri soggetti, la necessità di proclamare uno sciopero cittadino generale.

Necessità che ribadiamo, perché come abbiamo scritto serve superare collettivamente la logica dell’ "Ognuno per sé e il Mercato per tutti" ed iniziare a ricostruire una rete di rapporti di solidarietà e mutuo aiuto, riscoprendo e riattualizzando quelli che sono i valori fondativi della sinistra.

Leggi tutto...

Le mani sporche

La nostra presenza davanti a Palazzo Municipale, ieri mattina, aveva il significato di un'attestazione di solidarietà ai lavoratori e alle lavoratrici Cooplat. Ci preme richiamare l'Amministrazione, che in queste settimane si è limitata a disamine tecniche relative al bando, alla coerenza con le posizioni politiche sostenute in queste settimane in merito alle questioni ENI e TRW. Se è inammissibile che le imprese (e, nella fattispecie, le multinazionali) scarichino sui lavoratori i costi della concorrenza, che dire di un Comune che fa ricadere sui lavoratori le difficoltà di bilancio di una sua società partecipata? Sappiamo che il rischio di default per AAMPS è reale, e che è il frutto di gestioni irresponsabili di un passato che non li riguarda ma dal quale, tuttavia, Nogarin e il M5S fanno molta fatica a smarcarsi. Ma la Pubblica Amministrazione non può comportarsi con i suoi dipendenti come un'azienda privata qualunque.

Leggi tutto...

Mobilitazione a sostegno dei lavoratori della TRW

Oggi, mercoledì 29 ottobre, si terrà al Ministero per lo Sviluppo Economico il tavolo di confronto tra rappresentanti dei lavoratori, istituzioni e azienda TRW. In quella sede dovrà essere tracciato il futuro dello stabilimento livornese, per mezzo di risposte concrete ai lavoratori, alle loro famiglie e alla città di Livorno. Dal tavolo dovrà uscire un percorso progettuale verificabile che garantisca lavoro e reddito per 450 lavoratori e le loro famiglie.

Un gruppo consistente di lavoratori TRW accompagnerà chi dovrà sedere al tavolo di trattativa. I lavoratori rimasti a Livorno assicureranno il presidio nello stabilimento di Via Enriquez, per tutta la giornata.

#BuongiornoLivorno ha appoggiato totalmente la giusta lotta dei lavoratori TRW, condividendone gli obiettivi, comprendendone la valenza cittadina e di sistema: siamo stati a fianco dei lavoratori nelle convulse giornate del 16 e 17 ottobre scorsi, davanti a Confindustria e alla Prefettura. Abbiamo agito, tramite il nostro Gruppo Consiliare, per portare in campo le Istituzioni in difesa di una città che sta progressivamente spegnendosi. Volevamo diffondere la consapevolezza che non siamo davanti ad una serie di vertenze (MTM, ENI, Cooplat, adesso TRW e poi chissà) ma ad una reale emergenza cittadina che coinvolge tutte le categorie economiche, da affrontare con una presa di coscienza collettiva e l'apertura di una VERTENZA LIVORNO.

Leggi tutto...

#BL NEWS 3_14

Cara associata, caro associato,

anche il mese di ottobre è stato molto intenso e ha visto l'impegno quotidiano di Buongiorno Livorno. Abbiamo organizzato 3 seminari (uno sulla Green e social economy e due sull'economia livornese e non solo), partecipato alla giornata del 10 ottobre "Sfratti Zero" per l'emergenza abitativa e alla manifestazione cittadina promossa il 18 ottobre "Reddito, casa, diritti e dignità".

In particolare abbiamo seguito le vertenze occupazionali "esplose" nelle ultime settimane e relative alla Raffineria ENI, ai lavoratori della cooperativa Cooplat impegnati per conto di AAMPS al servizio di spazzamento strade e alla TRW. Su quest'ultima vertenza si sono concentrati gli sforzi del nostro gruppo consiliare in primis affiancati dal Direttivo e da numerosi attivisti e soci di BL che hanno seguito quotidianamente la vicenda. Non sono mancati da parte nostra manifestazioni di solidarietà e contributi concreti per mantenere la piena occupazione contro l'ipotesi di chiusura o dismissione: molti di noi sono stati presenti ai presidi in fabbrica, hanno partecipato all'incontro con il segretario nazionale FIOM-CGIL Landini organizzato il 22 ed accompagnato i lavoratori della TRW a Roma nell'incontro con il Governo il 29 ottobre.

Leggi tutto...